Home > Magazine > Sapori d'Italia
Sapori d'Italia

Carnevale da gustare

Carnevale da gustare
Bugie, frittelle e cicerchiata: le ricette dei dolci carnevaleschi più noti

Ci sono i coriandoli, ci sono le maschere, ci sono gli scherzi… e, poi, naturalmente, ci sono i dolciumi.
Parliamo – naturalmente – di Carnevale, la festa del divertimento, che – quest’anno – si celebra domenica 11 febbraio in tutta Italia, e sabato 17 febbraio a Milano (secondo il Carnevale ambrosiano).
Il giorno dei colori e dello zucchero, nel quale la fantasia è protagonista assoluta, in fatto di travestimenti e di dessert.

E, se parlare di travestimenti è pressoché inutile - tante sono le possibilità - trattare di dolci di Carnevale è sempre un piacere.
Eccoci, allora, a presentarvi alcune delle ricette più note e apprezzate d’Italia. Perché – si sa – a Carnevale, ogni dolce vale.

Le bugia di Carnevale sono croccanti sfoglie fritte oppure cotte al forno, il cui nome varia da regione a regione: chiacchiere in Lombardia, crostoli in Trentino, bugie in Piemonte, galani in Veneto, cenci in Toscana.
Ma come si preparano?
Setaccia 500 grammi di farina e 6 grammi di lievito, quindi unisci 70 grammi di zucchero.
Aggiungi 3 uova sbattute e 30 grammi di grappa e mescola.
Incorpora i semi di una bacca di vaniglia, due cucchiaini di scorza di limone grattugiata e 50 grammi di burro a temperatura ambiente.
Continua a mescolare, fino a ottenere un panetto morbido, avvolgilo nella pellicola trasparente e lascialo riposare per mezz’ora.
Dividilo in panetti più piccoli e stendili in sfoglie sottili.
Taglia le sfoglie in rettangoli e cuoci per 10 minuti circa in forno preriscaldato a 190°, oppure friggi in olio portato a 150°.

Le frittelle di Carnevale sono soffici e dolcissime nuvole di impasto, fritto o cotto al forno
Per prepararle, mescola 200 grammi di farina con 50 grammi di zucchero e una bustina di vanillina e disponi il composto di polveri a fontana. Rompi un uovo al centro e impasta.
Incorpora 14 grammi di lievito precedentemente sciolto nel latte e la scorza grattugiata di un limone.
Mescola fino a ottenere un composto omogeneo, quindi copri con la pellicola e lascia riposare per due ore circa.
Scalda abbondante olio in una pentola dai bordi alti e friggi le noci di impasto. Togli le frittelle dall’olio, una volta dorate e asciugale con carta assorbente.

La cicerchiata è una composizione di palline decorate con zuccherini colorati tipica del Centro Italia.
Impasta 150 grammi di farina con tre cucchiai di zucchero a velo, quattro cucchiai d’olio e due uova. Mescola fino a ottenere un impasto omogeneo, quindi copri e lascia riposare una mezz’ora.
Ricava dall’impasto una serie di spesse corde e tagliale a formare delle palline di impasto della dimensione di ceci.
Friggi le palline di impasto in abbondante olio, fino a doratura.
Scola e asciuga con carta assorbente.
Scalda il miele in una casseruola e unisci le frittelline, muovendole delicatamente, affinché siano completamente lucidate.
Trasferiscile su un piatto, disponile a piramide oppure a ciambella e decora con confettini di zucchero colorato. 



altri consigli