Home > Magazine > La casa
La casa

Casa fiorita... anche in vacanza!

Casa fiorita... anche in vacanza!
Casa fiorita... anche in vacanza!

Valigia fatta, il gas è chiuso, Fido è alla Pensione… E le piante?
La bella stagione ci invita a partire e a fuggire dal caldo e dall’afa che imperversano in città: ma che ne sarà dei nostri angoli verdi, in nostra assenza? Proprio in estate, quando fiori e piante necessitano di particolari attenzioni, non possiamo certo abbandonarle al loro destino!
E se non abbiamo un amico o un famigliare che possa accudirle per noi, occorre trovare una soluzione. Vi stupirà scoprire che, con i giusti accorgimenti, potrete mantenere le vostre piante sane e belle non solo per alcuni giorni ma anche per un paio di settimane.

Il rimedio più classico è quello della bottiglia di plastica capovolta: la si riempie d’acqua, si praticano alcuni forellini nel tappo e uno, più grande, sul fondo. Dopodiché la si incastra nel terreno: l’acqua, gradualmente, uscirà dal tappo mantenendo il terriccio ben idratato anche per due o tre settimane.
In alternativa alle bottiglie, in commercio esistono strumenti studiati appositamente, come delle sfere di vetro con beccuccio da infilare nella terra dei vasi.

Un altro aiuto arriva dai gomitoli di lana della nonna… Raggruppate i vasi e, al centro, posizionate una bacinella. Attenzione: il livello d’acqua deve trovarsi a un’altezza superiore rispetto al livello della terra. A questo punto prendete degli stoppini o dei fili di lana intrecciati: mettete un’estremità nell’acqua e, un’altra nel vaso, all’interno della terra. Per il “principio dei vasi comunicanti”, le vostre piante rimarranno ben idratate finché ci sarà acqua a sufficienza: parola di Archimede!

Questi espedienti salva-piante possono essere utilizzati tanto per le piante da esterno, quanto per i vasi che arredano la vostra casa. All’interno, così come avete fatto in giardino o in terrazza, il consiglio è quello di raggruppare tutte le piante, posizionandole in un luogo strategico che permetta loro di prendere luce sufficiente. Inoltre, per mantenere l’ambiente umido e adatto a loro, potete posizionare un recipiente pieno d’acqua.

Ma se avete il pollice verde e avete tappezzato ogni ambiente, sia esso esterno o interno, di fiori e piante, allora dovreste prendere in considerazione l’idea di optare per un vero e proprio sistema di irrigazione. In commercio ne esistono di diverse dimensioni e con diverse funzionalità: alcuni non richiedono né il collegamento elettrico, né quello con il rubinetto; altri - da esterno - funzionano attraverso un mini-pannello solare che alimenta una piccola pompa idraulica.
Chiedete consiglio al personale del negozio e scegliete il vostro nuovo irrigatore tenendo conto di diverse variabili. Ne ricapitoliamo qualcuna: numero di piante da innaffiare, posizione dei vasi (all’esterno, all’interno, in pieno sole, in ombra…), durata delle vostre vacanze, posizione di rubinetti e prese elettriche.



altri consigli