Home > Magazine > Dall'estero con gusto!
Dall'estero con gusto!

Le principali varietà di sale: dal sale rosa dell'Himalaya a quello nero di Cipro.

Le principali varietà di sale: dal sale rosa dell'Himalaya a quello nero di Cipro.
Alla scoperta delle diverse tipologie e caratteristiche dei cristalli del sale.

Quattro lettere, un’infinità di utilizzi. Parliamo del sale, elemento naturale dalle inesauribili proprietà.
Indispensabile in cucina, prodigioso per il benessere, alleato della bellezza, miracoloso per le pulizie, questo prezioso minerale custodisce facoltà note a tutte le culture e in tutte le epoche.
In cucina, gli utilizzi si sprecano. Ma non è degli smisurati impieghi culinari dei cristalli delle meraviglie che vogliamo parlare.
Piuttosto, intendiamo presentare brevemente alcune delle diverse tipologie e varietà di sale oltre alle loro caratteristiche, per farvi scoprire l’universo colorato e meraviglioso rappresentato dai sali del mondo.

 

  • Sale della Camargue: bianco come il sale più comunemente utilizzato, ma rarissimo è detto anche Fior di sale. Prodotto nel sud della Francia, non raffinato e dal basso contenuto di sodio, ha cristalli più grandi ed è meno salante del comune sale da cucina: perfetto su insalate o verdure.

 

  • Sale rosa dell’Himalaya: è tra le varietà più preziose.Viene estratto da miniere risalenti a circa 200 milioni di anni fa (non annoverato tra i sali marini, quindi), ed è considerato il sale più pregiato al mondo. Privo di additivi, non raffinato e ricco di oligoelementi contiene zinco, rame e ferro. Poco aggressivo e molto digeribile, è ideale con la carne.

 

  • Sale grigio di Bretagna: grezzo e ricchissimo di oligoelementi (in particolare, di magnesio). Dal sapore ricco, è adatto a piatti di carne, pesce e verdure. Povero di sodio, è consigliato a chi soffre di disturbi quali ipertensione e ritenzione idrica.

 

  • Sale rosso delle Hawaii: un’autentica miniera di ferro. Dal retrogusto di nocciole tostate, accompagna splendidamente carne e pesce grigliati.

 

  • Sale blu dall’Iran: è rarissimo e proviene dalle miniere dell’Iran, è ricco di calcio, magnesio e potassio. Dal sapore lievemente speziato, esalta splendidamente piatti a base di tartufo e frutti di mare.

 

  • Sale nero : proviene dalle acque dell’isola di Cipro.Dal sapore delicato, è arricchito di carbone vegetale attivo ed è particolarmente adatto a chi soffre di gonfiore addominale. Costituito da cristalli di forma piramidale, si scioglie con meno facilità rispetto ad altri tipi di sale. Per questo, è da utilizzare su pietanze da salare a crudo


altri consigli